Rubriche - Il punto di due punti

DIAVOLINA D'UN LUGARESI 03/04/02
Diavolina d’un Edmeo Lugaresi.
Per chi nell’epoca del forno a microonde fosse poco avvezzo a camini, caminetti, stufe a legna o barbecue, la diavolina è un prodotto che facilita l’accensione del falò. Oggi in commercio se ne trovano varianti ecologiche, nella forma di tavolette di legno pressato e cera rivestite con una carta speciale. Collocate sotto il combustibile (legna, carbone, carbonella, pellets, allenatori, figli, nipoti, tifosi) le tavolette di diavolina garantiscono una fiammella vivace e duratura, e dai e dai, infine un bel fuoco si esibirà per il nostro calore. Nel camino, dove prima c’era del combustibile (legna, carbone, carbonella, pellets, allenatori, figli, nipoti, tifosi), presto ci sarà solo cenere. Tutto bruciato, grazie al lavoro paziente, continuo, monotono, da sotto, della diavolina accendifuoco.
Diavolina d’un Edmeo Lugaresi, dunque. Già, perché quel tavolone di legno pressato a cera del presidente, con il suo lavoro continuo, monotono, da sotto, di combustibile ne brucia. Perfino un robusto ciocco di legno fresco, non stagionato, qual'è il cuttone (fam. delle adattatifere, nasce spontaneo al sud, importato al nord), dai e dai si disidrata e anch’esso prima o poi verrà ridotto in cenere. Si confidi, bioetica permettendo, negli OGM: dopo i pomodori grandi come cocomeri, le noci prive di guscio e di lisca, chissà che la scienza genetica non ci consegni un tipo di legno che non brucia al fuoco. Scoperta che segnerebbe per il Cesena l’inizio della programmazione.
Un combustibile più resistente di altri, un tempo, era il direttore sportivo: prova ne fu Cera, che, nonostante il cognome, si autosciolse al fuoco solo quando lo decise lui. Con Totò De Falco il Cesena ha guadagnato in dinamismo e operosità, ha perso in conoscenze e autorevolezza. Il Cavaliere è stato sostituito dal Ragazzo. Ma soprattutto, De Falco forse sarà il primo DS a cui si applica le legge della diavolina accendifuoco, per la gioia di chi, come la redazione del periodico Cesena Cesena, organo del Centro coordinamento club, individua in Totò il responsabile degli ultimi fallimenti del Cesena. Se De Falco verrà ridotto in cenere, e se il prossimo DS resisterà più di due anni, allora daremo ragione ai redattori di Cesena Cesena. Se così non sarà, dovremo dedurre che Totò fu un legnetto come un altro bruciato nel camino.
Diavolina d’un Edmeo Lugaresi.
Due punti-cesenainbolgia
(Fregatene del copyright: se vuoi, stampa, fotocopia, diffondi questo articolo)
--------------------------------------------------------------------------------
"Edmeo Lugaresi brucia gli allenatori come un piromane ossessionato dai nani brucia le tappe."
Càpitan Sènsibol
“Dicono che tutte le belle donne hanno il sedere grosso. Ah, io amo le donne tettone, mi piace l’odore che hanno.” Detto ciò egli cominciò ad aumentare di statura e giunto al soffitto si dissolse in mille piccole sfere.
Daniil Charms, Casi
"Bin Ladè, nun te scurdà 'e Ferlaino."
Scritta apparsa su un muro del Vomero, Napoli, all’indomani della guerra totale all’occidente minacciata da Bin Laden

Diavolina d’un Edmeo Lugaresi.

 

Per chi nell’epoca del forno a microonde fosse poco avvezzo a camini, caminetti, stufe a legna o barbecue, la diavolina è un prodotto che facilita l’accensione del falò. Oggi in commercio se ne trovano varianti ecologiche, nella forma di tavolette di legno pressato e cera rivestite con una carta speciale. Collocate sotto il combustibile (legna, carbone, carbonella, pellets, allenatori, figli, nipoti, tifosi) le tavolette di diavolina garantiscono una fiammella vivace e duratura, e dai e dai, infine un bel fuoco si esibirà per il nostro calore. Nel camino, dove prima c’era del combustibile (legna, carbone, carbonella, pellets, allenatori, figli, nipoti, tifosi), presto ci sarà solo cenere. Tutto bruciato, grazie al lavoro paziente, continuo, monotono, da sotto, della diavolina accendifuoco.

 

Diavolina d’un Edmeo Lugaresi, dunque. Già, perché quel tavolone di legno pressato a cera del presidente, con il suo lavoro continuo, monotono, da sotto, di combustibile ne brucia. Perfino un robusto ciocco di legno fresco, non stagionato, qual'è il cuttone (fam. delle adattatifere, nasce spontaneo al sud, importato al nord), dai e dai si disidrata e anch’esso prima o poi verrà ridotto in cenere. Si confidi, bioetica permettendo, negli OGM: dopo i pomodori grandi come cocomeri, le noci prive di guscio e di lisca, chissà che la scienza genetica non ci consegni un tipo di legno che non brucia al fuoco. Scoperta che segnerebbe per il Cesena l’inizio della programmazione.

 

Un combustibile più resistente di altri, un tempo, era il direttore sportivo: prova ne fu Cera, che, nonostante il cognome, si autosciolse al fuoco solo quando lo decise lui. Con Totò De Falco il Cesena ha guadagnato in dinamismo e operosità, ha perso in conoscenze e autorevolezza. Il Cavaliere è stato sostituito dal Ragazzo. Ma soprattutto, De Falco forse sarà il primo DS a cui si applica le legge della diavolina accendifuoco, per la gioia di chi, come la redazione del periodico Cesena Cesena, organo del Centro coordinamento club, individua in Totò il responsabile degli ultimi fallimenti del Cesena. Se De Falco verrà ridotto in cenere, e se il prossimo DS resisterà più di due anni, allora daremo ragione ai redattori di Cesena Cesena. Se così non sarà, dovremo dedurre che Totò fu un legnetto come un altro bruciato nel camino.

 

Diavolina d’un Edmeo Lugaresi.

 

 

 

Due punti-cesenainbolgia 03/04/02

 

 

(Fregatene del copyright: se vuoi, stampa, fotocopia, diffondi questo articolo)

 

 

--------------------------------------------------------------------------------


"Edmeo Lugaresi brucia gli allenatori come un piromane ossessionato dai nani brucia le tappe."


Càpitan Sènsibol



“Dicono che tutte le belle donne hanno il sedere grosso. Ah, io amo le donne tettone, mi piace l’odore che hanno.” Detto ciò egli cominciò ad aumentare di statura e giunto al soffitto si dissolse in mille piccole sfere.


Daniil Charms, Casi



"Bin Ladè, nun te scurdà 'e Ferlaino."


Scritta apparsa su un muro del Vomero, Napoli, all’indomani della guerra totale all’occidente minacciata da Bin Laden