Banner
Banner
Gallery

Un pò di letteratura

Rubriche - La Nostra Romagna

Che la Romagna sia regione da 13 secoli oramai lo sanno anche i muri, tant’è che addirittura Dante la descrive molto bene nel 27° canto dell’Inferno, nella Divina Commedia:

 

Romagna tua non è, e non fu mai,
 
sanza guerra ne' cuor de' suoi tiranni;
 
ma 'n palese nessuna or vi lasciai.
39

 
Ravenna sta come stata è molt'anni:
 
l'aguglia da Polenta la si cova,
 
sì che Cervia ricuopre co' suoi vanni.
42

 
La terra che fé già la lunga prova
 
e di Franceschi sanguinoso mucchio,
 
sotto le branche verdi si ritrova.
45

 
E 'l mastin vecchio e 'l nuovo da Verrucchio,
 
che fecer di Montagna il mal governo,
 
là dove soglion fan d'i denti succhio.
48

 
Le città di Lamone e di Santerno
 
conduce il lïoncel dal nido bianco,
 
che muta parte da la state al verno.
51

 
E quella cu' il Savio bagna il fianco,
 
così com'ella sie' tra 'l piano e 'l monte,
 
tra tirannia si vive e stato franco.
54

 

Qui di seguito invece riporto due poesie dialettali (con traduzione per gli stranieri…extraromagnoli) che ben descrivono il rude e schietto carattere del romagnolo.

 

RUMAGNA
ROMAGNA
di Lorenzo Stecchetti (Olindo Guerrini)



E dai ! Tott quent i l’ha cun la Rumagna,
E dagli. Tutti ce l’hanno con la Romagna,
Ch’e’ pè ch’la sia la cheva d’i assassen
che pare essere la cava degli assassini.
A gli è toti scalogni d’birichen
Sono tutte menzogne di mascalzoni
Che l’invigìa smardosa la si magna.
Che un’invidia ripugnante se li mangia.


Invezi us po’ zirè par la campagna
La verità è che si può girare per la campagna
Ch’ub baia gnanc un can da cuntaden;
Che non abbaia neanche un cane da contadino;
Nissò pensa a rubè, tott is vò ben,
nessuno pensa a rubare, tutti si vogliono bene,
I lavorà, i fadiga e i si guadagna.
lavorano, faticano e se li guadagnano.


E mel l’è ch’i va vi di tant in tant,
Il male è che di tanto in tanto vanno via
e un s’in sa piò notizia, tant’è vera
E non se ne ha più notizia, tanto è vero
Che e’Segreteri um ha cuntè che intant.
Che il segretario mi ha raccontato di come frattanto


E Sendich nov d’la Tera e d’Castruchera
Il sindaco nuovo di Terra del Sole e di Castrocaro
L’ha fatt pruposta d’buté zo e’campsant
Abbia avanzato di demolire la proposta di demolire il camposanto
Che intignimod is mor tott in galera
visto che tanto muoiono tutti in galera.


 
E’ RUMAGNOL
IL ROMAGNOLO
(di Aldo Spallicci)



E’ Signor, fat e’ mond, e va un pô in z
Il Signore, fatto il mondo, va un po’ in giro
E cun San Pir e’passa do parôl;
E con San Pietro scambia due parole
e intant ch’j int una presa, u i fa San Pir:
E mentre sono in un terreno gli fa S.Pietro:
“La Rumagna t’l’è fata e e’ un romagnôl ?
“La Romagna, tu l’hai fatta, e il romagnolo ?


U i vô d’la zenta sora a sti cantir,
Ci vuol gente sopra questi campi,
t’a n’vré zà fé la mama senza e’fiôl?”
non vorrai mica fare la mamma senza il figlio ?”
“Me a t’e’ farò, mo l’ha dal brot manir,
“Io te lo farò, ma ha brutte maniere,
e a j ho fed ch’u n’gni azuva gnianca al un scôl !”
e credo che non gli giovino neppure le scuole!”


E’dasé ‘d chilz par tera cun un pé
Dette un calcio per terra con un piede
E e’fasé salte fura ilè d’impet
E fece balzar fuori lì dirimpetto
E’vigliacaz de’rumagnòl spudé.
Il vigliaccaccio del romagnolo sputato.


In mangh’d camisa, svidure int e’pét,
In maniche di camicia, sciorinato nel petto,
un capalcìn rudé coma un fator:
un cappelluccio a ruota come un fattore:
“A so iqua me, ciò, boia de’S… !”
“Sono qua io, olà, boia del S...”

 

Chiudo con una filastrocca carina sulle “sette sorelle” di autore anonimo, che recità così:

 

Remin par navighè,
Cesena par cantè,
Furlè par balè,
Lugh par imbruiè,
Fènza par lavuré,
Iemla par ciavé,
Ravenna par magné.

 

Non so chi sia ad averla scritta, ma deve essersi senz’altro fumato qualcosa di forte.

 

- MONARKA -

 

 wrerwer fatta 1
 ddddd
 qhjjrt ddd ddds
ssssssdsds bbbbbbbbbbbbbbbdsssssss

 

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per inviarti pubblicita' e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più guarda le nostre privacy policy.

Accetto cookie da questo sito.