Rubriche - La Nostra Romagna

Il 25-26 Giugno 2006 in occasione del Referendum Costituzionale, occorre fare una scelta netta, una scelta non di parte, ma di buonsenso. Io l’ho fatta, con grande coraggio, vista la linea conformista della parte politica alla quale mi sento di appartenere, da me stavolta non condivisa.

Io voto SI perché se passa questa Riforma è certo che i cittadini romagnoli potranno esprimersi, entro 5 anni (ma in pratica, sarà poi molto prima), sull’Autonomia della Romagna con un democratico referendum.

 Io voto SI perché anche se è una Riforma criticabile, una volta confermata, il governo dell’Unione può benissimo correggerla a colpi di maggioranza, come ha fatto il precedente governo.

Io voto SI perché in realtà, chi si scandalizza sul metodo con la quale vi si è arrivati a farla, e parla di lavoro condiviso di entrambi i poli, in quanto fautore di una politica restauratrice farà di tutto per non cambiare nulla in questo nostro amato Paese.

Io voto SI perché il Federalismo è il futuro e già molti altri Paesi l’hanno capito; noi italiani cosa vogliamo fare, restare indietro come sempre ?

Io voto SI perché spero un giorno di vedere un’Italia forte, unita e federale, in cui finalmente la mia regione, la Romagna, lo sia a pieno titolo al pari delle altre.

Io voto SI perché non sono un mercenario della democrazia, e chi si indigna per la difesa della Costituzione dovrebbe ricordarsi che essa andrebbe applicata sempre, non solo quando fa comodo ai propri interessi.

Io voto SI perché ho letto ciò che prevede questa Riforma (a differenza della maggioranza degli italiani, senza presunzione eh, ma purtroppo è così), e ne ho tirato giustamente le somme.

Io voto SI perché non c’è uno sfascio del paese, come sostengono certi menzogneri di professione, ma lo rafforza, assegnando più competenze alle regioni.

Io voto SI, perché giusto o sbagliato non è reato (lo slogan non ci azzecca con il discorso… o forse sì, mah comunque mi piaceva metterlo) .

Io voto SI perché non mi azzardo minimamente ad affermare che se gli italiani votano NO sono dei coglioni, ma senz’altro una bella botta nei loro ce la danno ! Occorre maturare nelle scelte democratiche e se una cosa è utile alla crescita del paese, non è che ci si oppone perché l’hanno fatta “quegli altri”. In Italia purtroppo invece che rendere più veloce il treno della storia, ogni volta c’è chi tenta di fermarlo con la solita strategia "tu fai bianco, io faccio nero". E comunque ribadisco che senz’altro essa può essere un punto di partenza, ma che poi può essere tranquillamente rivista, tutto si può migliorare nel tempo, basta che ci sia la volontà di farlo.

Infine, mi preme ribadirlo, voto SI, perché non voglio restare indietro ma andare avanti, fatelo anche voi !!!


PS Chi non fosse d’accordo è pregato di non rompere i c+++++++ a chi amministra questo forum, dicasi anche qualsiasi elemento dello staff, che gentilmente mi concedono questo spazio. E’una mia opinione, condivisibile o meno, non è il Vangelo tantomeno la linea di Cesenainbolgia. Oh, al massimo potete sfogarvi nel guestbook della rubrica stessa, non nascondo un piacere masochista ad essere insultato.

 

- MONARKA -